Scelta del Corriere, filiale di zona oppure broker online?

Negli anni la nostra azienda si è occupata direttamente della spedizione di migliaia di pacchi. Abbiamo sempre lavorato con 2 al massimo 3 corrieri, difficilmente in concorrenza tra loro.

Generalmente, fino a qualche anno fa, il contratto veniva stipulato con un commerciale di zona, raramente il primo approccio era del direttore di filiale.

Commerciali che si presentano in sede, tante belle parole, tante belle promesse e poi un contratto inviato a mezzo email che recitava tutto l’opposto.

Con la nostra attività di consulenza e sviluppo abbiamo seguito i nostri clienti anche nella scelta dei corrieri. A volte ci è stato chiesto di presidiare a incontri con commerciali e spesse volte abbiamo accettato. Avendo un’esperienza decennale abbiamo dettato le nostre richieste, specificando punto per punto e sopratutto non lasciando nulla al caso.

Nel 100% dei casi abbiamo avuto disinteresse della filiale a lavorare con il cliente, a volte palesato, altre invece attraverso contratti totalmente diversi da quanto richiesto.

Il motivo è semplice. Tutto ciò che farà lievitare le spedizioni saranno i servizi e tariffe accessorie, parliamo di alcuni punti dolenti dei vari contratti:

  • Supplemento Carburante (Fluel Surchange)
    Sopratutto nel 2010 abbiamo assistito a incrementi carburanti assurdi (dovuti a incrementi alla pompa), tanto veloci a crescere…tanto lenti a decrescere quando i prezzi sono scesi.
  • Spese di Giacenza
    Questo è un vero problema, se non affrontato correttamente. Il nostro software ha algoritmi dedicati esclusivamente a ridurre il numero di giacenze. Rappresenterà un costo extra mensile molto importante, se tralasciato.
  • Avviso di consegna telefonico
    Nelle varie tariffe noterete importi richiesti molto alti. Senza dubbio per un corriere è articolato offrire questo servizio, ma se affrontato a livello di messaggistica (come il nostro software prevede) si può ovviare in modo completamente gratuito.
  • Spese per il Contrassegno
    Anche se Amazon ha abituato gli italiani a pagare anticipatamente, molti ancora lo preferiscono. L’acquirente medio italiano vi telefonerà per pretenderlo, mentre farà lunghe file alla posta e/o tabacchi per ricaricare la sua carta per pagamenti su Amazon…. ma questa è un’altra storia.
  • Consegna al piano
    Qui bisogna fare necessariamente distinzioni. Il problema della consegna al piano è legata principalmente a chi materialmente verrà a consegnarvi il pacco. Troverete bravi ragazzi disposti a consegnare pesanti colli al terzo piano senza ascensore, oppure altri che negano di farlo anche in presenza di ascensore (visto personalmente con i miei occhi). E’ un servizio utile se i vostri prodotti lo richiedono, e se il loro valore ne giustificano il supplemento.
  • Assicurazione
    Tutto dipende dal valore medio dei vs pacchi. Se l’importo o tipologia lo permette, potete evitare. Ovviamente se vendete elettronica o cellulari è un suicidio non farlo. In ogni caso accertate sempre modalità di rimborso e costi.
  • Consegne in isole
    Se parlate con un bravo magazziniere vi elencherà il nome di una decina di isole al massimo… le spedizioni verso queste destinazioni avranno maggiorazioni anche importanti e spesso lo scoprirete solo a fine mese in fattura.
    Se vi affidate invece ad un software nato sul campo, come il nostro, vi accorgerete che sono oltre 2000 le località (isole e non) soggette a maggiorazioni. In genere definite “località disagiate” sono spesso anche piccole cittadine o semplici frazioni, che il corriere non riesce a gestire al meglio. Spesso parliamo di piccole maggiorazioni (nell’ordine di 1 euro) a volte sono molto consistenti arrivando a toccare anche 50 euro di extra.

Quando analizzerete un contratto proposto, dovete sempre partite da queste caratteristiche, conoscerle e leggerle nero su bianco vi permetterà di conoscere tutte le spese che dovrete affrontare. Se affidate il vs ecommerce alla nostra azienda, sarà il nostro staff a seguirvi nella scelta del corriere.

Fortunatamente negli anni sono nati dei broker online, portali specializzati in acquisto/vendita di spedizioni. Troverete una decina di grandi aziende che si occupano di questo e principalmente il loro lavoro si traduce in

  • Contrattazione diretta con i corrieri (spesso bypassando semplici filiali di zona) avendo un bacino teorico di spedizioni molto alto.
  • Vendita di spedizione c/terzi beneficiando di un potenziale contrattuale maggiore al vostro.

Spesso le tariffe da loro proposte sono comprensive di molti servizi, facendo risparmiare moltissimi soldi a fine mese. Sono tariffe semplici, a volte anche fisse per tutto il territorio nazionale.

Tariffe che una filiale di zona difficilmente riuscirà a garantirvi, e spesse volte anche presentandole a confronto.

Ritiro, consegna, Logistica è ovviamente affidata allo stesso corriere, con la differenza di non avere contratti e vincoli con la filiale e di accedere a prezzi convenienti attraverso broker.

Ovviamente il pagamento della singola spedizione sarà sempre anticipato, dopodichè il ritiro sarà stabilito direttamente in fase di ordine. Attraverso il loro portale potete stampare il cedolino e seguire il tracking.

Prima di sottoscrivere un contratto è preferibile sempre consultare questi broker. Non volendo fare alcuna pubblicità, sarà sufficiente cercarli online o nei forum tematici.

Per approfondimenti sul nostro software ecommerce:
http://www.pcommerce.it

Daniele MingarellI
CEO Pizzut

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *